Guardiani Notturni

Personale di Luca Caimmi
10 ottobre – 12 novembre 2019 marmo – libreria d’arte contemporanea Corso Garibaldi 152-154, Forlì

https://www.marmolibreria.com/

Questa serie di disegni , a cui fa riferimento il titolo della mostra, ha come soggetto le zone costiere tra Pesaro e Gabicce in un preciso momento, la notte, quando il paesaggio resta popolato solo da natura, edifici e oggetti, senza gli uomini che di giorno lo appesantiscono con i loro corpi e voci. Caimmi, per questa serie, si sofferma sulle costruzioni fatte ad hoc per i bambini – scivoli, parchi giochi, ruote panoramiche; se di giorno questi sono ambienti caotici per eccellenza, di notte si calmano, quasi a raggiungere una quiete, che, da un lato, sembra perturbare e mettere in discussione le certezze emanate dalla luce del sole, dall’altro alleggerisce il paesaggio, che nonostante il nero della notte, è leggero ed etereo.

La mostra presenta disegni realizzati con la stessa tecnica: Caimmi lavora su fogli da acquarello intervenendo con china e acrilico. Per questa occasione, l’artista ha scelto di esporre lavori quasi tutti bianchi e neri; spesso è l’elemento fisico – il ghiaccio, le piante, elementari abitazioni, o, appunto i parchi giochi – che va a definire le forme bianche sullo sfondo nero.

Tra questi elementi, ci sono anche billboard, pannelli utilizzati per campagne pubblicitarie, solitamente posizionati ai lati delle strade e lì localizzati per catturare l’attenzione dell’automobilista, sia nel buio della notte – se i billboard sono schermi – sia di giorno.
Lo sfondo nero è il fil rouge della mostra ed è pensato da Caimmi come un sipario teatrale, spazio dentro al quale mettere in scena situazioni para-reali, dove il para definisce tutto quello che può stare attorno al reale quotidiano, che si dà per scontato, ma che l’osservazione acuta e la fantasia dell’artista contribuiscono a re-inventare e a osservare con curiosità e stupore.

Lascia un commento